elisir · hennè · le erbe di janas · tinta naturale

[Recensione] Le Erbe di Janas- Henné Rosso Freddo e Bicarbonato

Ciau a tutti e benvenuti sul mio blog!

Dopo più di un mese e mezzo dall’ henné rinforzato mogano della Erbamea, finalmente  un nuovo esperimento capillifero!

Recentemente  ho rifatto l’henné ed ho riacquistato quello de Le Erbe di Janas che mi era tanto piaciuto, la variante rosso freddo.

[Trovate una vecchia recensione qui

Stavolta ho deciso di aggiungere al pappone due ingredientiparticolari“:

  • il bicarbonato che rende il ph del pappone basico e quindi dovrebbe far virare il colore verso il ciliegia/mogano
  • l’Elisir idratante e antiossidante de Le Erbe di Janas per evitare che i miei capelli si seccassero troppo con una posa davvero lunga

Ehm non sono rimasta molto soddisfatta dall’utilizzo di questi due prodotti, ma vi spiegherò meglio dopo…



Henné Rosso Freddo- Le Erbe di Janas

hennè rosso freddo le erbe di janas.jpg

-Contenuto: 100g

-Ingredienti: Lawsonia inermis leaf

-Prezzo: 5,5€

-Scadenza: riportata sulla confezione (circa 2 anni)

-Provenienza: Pakistan= tono freddo

-Certificazioni: VeganOK; BAQ(=Body Art Quality, adatto per tatuaggi); 100% naturale

-Reperibilità: sito ufficiale Le Erbe di Janas, bioprofumerie online e fisiche, rivenditori online di cosmetici naturali, erboristerie; estremamente facile da reperire



La mia ricetta

hennè rosso freddo janas.jpg

  • 100 g di henné rosso freddo Le Erbe di Janas
  • Acqua a temperatura ambiente q.b
  • 1 cucchiaino raso di bicarbonato
  • circa 3 pizzichi di sale fino

Dopo l’ossidazione e il congelamento

  • circa 1/4 di boccetta di Elisir idratante e antiossidante Le Erbe di Janas


Procedimento, ossidazione, congelamento e posa

  1. Verso gradualmente l’acqua a temperatura ambiente sulla polvere e  mescolo finché non ottengo una pappetta dalla consistenza simile a uno yogurt
  2. Aggiungo 1 cucchiaino di bicarbonato  e il sale ( serve per fissare il colore) e continuo a mescolare
  3. Chiudo il contenitore con l’henné e lascio ad ossidare per circa 16 ore a temperatura ambiente (giovedì pomeriggio-venerdì)
  4. Metto il pappone in congelatore e lo lascio lì tutta la notte (venerdì notte)
  5. Scongelo il pappone a temperatura ambiente e aggiungo circa 1/4 di boccetta di Elisir idratante e antiossidante de Le erbe di Janas
  6. Verso le 7 di Venerdì sera (che cronaca ragazzi! XD ) lavo i capelli ed applico direttamente il pappone, senza asciugarli->trovo che con questo sistema sia più facile applicare l’henné sui miei ricci e che il colore si distribuisca meglio; attenzione a non aggiungere troppa acqua al pappone quando lo si prepara o tenderà a colare se applicato sui capelli umidi
  7. Avvolgo la testa nella pellicola trasparente e indosso un berretto di lana per tenere il pappone al caldo ed evitare che secchi (in questo caso sarebbe molto difficile sciacquare l’henné e le “crosticine” che si andrebbero a creare)
  8. Lascio in posa tutta la notte (esattamente per 12-13 ore)
  9. Lavo i capelli con abbondante acqua per eliminare il colore e solo quando l’acqua di risciacquo è limpida procedo con il balsamo per sciogliere i nodi
  10. Lavo i capelli con lo shampoo solo giorni dopo, quando ne avverto il bisogno in quanto il potere lavante dell’henné mi soddisfa parecchio e per non far scaricare subito il colore


Piccole note sull’hennè rosso freddo di Janas:

  • La polvere è davvero finissima, priva di impurità e pagliuzze
  • Il pappone era liscissimo e davvero facile da stendere
  • Il quantitativo di 100g è più che sufficiente per tingere capelli che arrivano al seno: io non sapevo più dove spalmarlo, tant’è vero che ho deciso di tingere le sopracciglia ( esperimento fallito in quanto si è tinta “immediatamente” la pelle di arancio e ho deciso subito di rimuovere la pappetta)
  • L’henné ha davvero un ottimo potere condizionante, infatti ho utilizzato un quantitativo minimo di balsamo Splend’Or al cocco (inci accettabile) per districare i nodi
  • Anche il potere lavante è molto buono, ma considerate che ho una cute secca
  • Ritornando alla secchezza, purtroppo l’Elisir di Janas non ha fatto chissà che e i miei capelli appaiono secchi, crespi ed elettrici-> questo effetto lo riscontro praticamente sempre quando utilizzo l’henné
  • Nonostante la lunga posa non ho avvertito prurito ne’ altri fastidi e forse questo è da imputare all’elisir aggiunto al pappone. Nella mia prima hennata da 12 ore con questo henné avvertì la cute davvero irritata!!
  • L’henné ha donato alla mia chioma un volume esagerato!!
  • I miei ricci si sono afflosciati tantissimo e da un riccio 3b sono passata ad uno 3a,  solo nelle ciocche in cui solitamente applico più pappone (quelle avanti)


Let’s talk about the color…

A distanza di settimane da questa hennata, direi che con tutti gli accorgimenti che ho preso (henné Pakistano, bicarbonato e lunga posa) sono riuscita ad ottenere un bel rosso freddo. Il colore non è molto vibrante come nella prima hennata con tono freddo Janas e questo potrebbe essere dovuto al bicarbonato…

  • Il bicarbonato, che in teoria dovrebbe addirittura far virare il colore al mogano,  mi ha dato dei risultati discreti solo sulla ricrescita castano medio, ma il colore mogano si vede solo alla luce del flash. Alla luce naturale la mia ricrescita appare di un colore castano ramato scurissimo, quindi ha un leggero riflesso mattone e non violaceo; in alcuni punti addirittura il riflesso appare arancione!

hennè tono freddo le erbe di janas.jpg

henne janas.jpg

  • Non parliamo poi delle lughezze tinte chimicamente: da un colore mattone slavato dell’ultimo henné, sono passata a un rosso molto naturale con riflessi arancioni. In sostanza,  al sole sono una carotina e non una ciliegina… nemmeno un pomodorino sono.. 😥 ! *si dispera*

riflessi hennè.jpg

-hennè rosso freddo le erbe di janas e bicarbonato.jpg



Sono contenta del colore? Sì e no.

  • SI: mi vedo meglio con un colore più scuro e c’è meno stacco con la ricrescita
  • NO: non ho ottenuto il bel rosso acceso della prima hennata con questo tono freddo di Janas e non so se attribuire “la colpa” alla stratificazione (uso solo henné puro e ormai sono a quota 9  hennate, credo) o al bicarbonato

Ah! La strada per il rosso ciliegia è lunga e tormentata XD


Spero che questo articolo possa esservi utile! Grazie per essere passati ❤

Se avete domande o suggerimenti non esistate a commentare ^^

Al prossimo esperimento 🙂

firma



Let’s Be Friends 

Seguimi su

Instagram: @ilosinwanderlust.bio

Twitter: @ilosinwanderbio

Pagina FB: Ilosinwanderlust BioBlog

per non perderti nessun aggiornamento!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...