erbe tintorie · hennè · neha rachni mehandi · phitofilos · Senza categoria · tinta naturale

[Henné] Esperimento (fallito) con Neha Rachni Mehandi ed Alcanna Phitofilos

Ciau a tutti e benvenuti o bentornati sul mio blog

Bentornati dalle vacanze estive!  Riprendiamo la routine con un nuovo articolo sull’henné!

Oggi, infatti, vorrei parlarvi del mio ultimo esperimento: come avete letto dal titolo, questa volta ho provato l’henné Neha Rachni Mehandi unito ad un’altra erba tintoria, l’alcanna.

alcanna phitofilos ed hennè rachni mehandi.jpg

Quando ho acquistato queste polveri il mio obiettivo era ottenere un bel rosso mogano-tendente al violaceo. Poi, come spesso accade, ho cambiato idea e ho deciso di “adeguare” la ricettina del pappone per ottenere un tono più caldo.

Non sono affatto sicura che la mia ricetta abbia un “fondamento chimico”, ma vi mostro lo stesso i risultati che ho ottenuto.


Henné Neha Rachni Mehandi

henné rachni mehandi.jpg

  • Prezzo: 3,49€
  • Quantità: 250g
  • INCI: Lawsonia inermis (Henna Powder)
  • Reperibilità: online o presso i mercatini etnici. Io l’ho acquistato su Golden East Store. Sul sito è disponibile anche in formati più grandi.
  • Provenienza: India
  • Tonalità: rosso intenso freddo
  • Adatto per le mani (Body Art Quality)
  • Scadenza: utilizzare preferibilmente entro 24 mesi dalla data di confezionamento riportata a lato del sacchetto

L’henné Neha Rachni Mehandi è confezionato in una bustina di plastica trasparente chiusa ermeticamente e contenuta a sua volta in un sacchetto di tessuto color verde acido.

La polvere è di un colore verde oliva acceso, è finissima ed ha una profumazione intensa.

Questo henné facilissimo da stendere, cremoso  e non presenta alcuna impurità.


Alcanna-Phitofilos

i semplici phitofilos alcanna.jpg

  • Prezzo: 6,29€
  • Quantità: 100g
  • INCI: Alkanna Tinctoria Root Powder
  • Reperibilità: online o presso le migliori bioprofumerie. Io l’ho acquistata su Golden East Store. 
  • Tonalità: mogano in ambiente acido; blu-violetto in ambiente basico
  • Scadenza:  24 mesi. Scadenza e lotto riportati sul retro della confezione.

L’Alcanna è un arbusto sempreverde della famiglia delle Boranginaceae, originario delle zone mediterranee. E’ una pianta che arriva fino a 50 cm di altezza con un fusto legnoso alla base e foglie completamente coperte da peli bianchi e setosi. Contiene tannini, flavonoidi, sostante cerose e l’alcannina, un principio colorante rosso-viola che viene utilizzato fin dai tempi antichi per tingere lane, tessuti ed usato come colorante alimentare.

MODO D’USO RIPORTATO SULLA CONFEZIONE:

Il colore ottenuto da questa pianta è violaceo. La polvere di Alcanna  risente fortemente  dell’ambiente in cui opera: in ambiente acido assume una tonalità tinta rossa-mogano, in ambiente alcalino assume tonalità più fredde, blu/viola.  Per cui a seconda dei risultati che si vogliono ottenere, si opterà per veicoli acidi (diluizione con acqua e aceto, limone, etc.) o alcalini (acqua con una puntina di bicarbonato di sodio). La pastella di polvere di Alcanna porta a una copertura davvero lieve sulla cheratina del capello sul violaceo leggero. Addizionata alla polvere di lawsonia (henné rosso), anche con aggiunta di ibisco o robbia o sandalo, porta ad ottenere risultati riflessanti ben visibili anche sui capelli bianchi verso i toni freddi del rosso. La pastella di polvere pura di Alcanna è di solito sconsigliata anche perché questa pianta, non essendo ricca in mucillagini, risulta in composti disomogenei e scomodi da applicare. Quindi rimane sempre il consiglio di un uso come correttore di tono e non di erba tintoria pura.

Quindi:

  1. L’Alcanna non va mai usata da sola, ma sempre in combo con la lawsonia in quanto non si fissa al capello e stinge ai lavaggi
  2. Va usata come correttore di tono
  3. Può virare al mogano o al blu/viola a seconda dell’ambiente in cui agisce (acido o basico), quindi potrebbe essere necessario prepararla separatamente all’henné per non influire anche sul pH di quest’ultimo
  4. Da quel che ho letto, sarebbe meglio preparare un oleolito di Alcanna, poiché questa pianta è liposolubile e in acqua non rilascia colore. Non avendo preparato l’oleolito per questa hennata, vi consiglio di cercare in rete qualche ricetta.
  5. Per aiutare a fissare il colore dell’alcanna viene suggerito di aggiungere del bicarbonato al pappone (che io ho dimenticato…)

L’Alcanna Phitofilos è inserita in una bustina in alluminio che ne salvaguarda la freschezza; si presenta come una polvere finissima e molto volatile priva di impurità, dal color marrone/mogano ed ha un odore pungente che ricorda molto l’aceto/le olive nere.


La mia ricetta: ottenere un “tono caldo”

Dose per capelli lunghi fino al seno:

  • 75g di Henné Neha Rachni Mehndi
  • 25g di Alcanna
  • 2 bicchieri di acqua a temperatura ambiente
  • 1 cucchiaino di sale per fissare il colore
  • 2 cucchiai di olio
  • 2 cucchiai di aceto di mele
  1. Ho preparato da parte l’henné con acqua e sale. Ho messo la pappetta in congelatore per circa 2h e ho scongelato all’aria per 2h. Ho continuato l’ossidazione per almeno altre 24h. Ho notato che questo henné “rilascia” del liquido color marrone e tende a “scurirsi”(=ossidare e diventare verde scuro) dopo tantissime ore (oltre le 16h).
  2. Da parte ho preparato l’alcanna, aggiungendo i 2 cucchiai di aceto (per ottenere un pH acido ed arrivare a un colore non violaceo) e di olio (per favorire il rilascio di colore). L’aceto evaporerà, quindi non preoccupatevi se il composto risulta troppo fluido. Premetto che non avevo mai utilizzato prima questa erbetta, quindi ho unito le conoscenze apprese dalla lettura di vari siti ed esperienze pubblicate sul web. Ho lasciato ad ossidare per 16h e solo dopo ho unito il composto all’henné, continuando l’ossidazione. Piccola nota: ho preparato il neha e l’alcanna quasi contemporaneamente, quindi il tempo di ossidazione coincide. Ho separato neha ed alcanna per via dell’aceto, per evitare che anche l’henné ossidasse in pH acido, ma unendo le due pappette e continuando l’ossidazione, ho vanificato tutti gli sforzi 
  3. Ho applicato il pappone di henné ed alcanna a capelli asciutti e tenuto in posa solo 4h, coprendo il capo con pellicola trasparente e cappellino di lana.
  4. Ho sciacquato con abbondante acqua e districato i capelli con il balsamo.

L’acqua di risciacquo di questo henné risulta marrone e ho notato, con il passare dei giorni, che il colore non stinge eccessivamente sotto la doccia, ma il mio cuscino risulta comunque colorato leggermente di arancio.

Questo henné ha davvero un ottimo potere tintorio anche con brevi pose. Mi ha sorpreso il tono di rosso ottenuto: nonostante l’utilizzo di sostanze acide, il colore che ho ottenuto risulta un rosso tiziano (quindi non eccessivamente caldo né freddissimo) con riflessi freddi.

Nessuna traccia di mogano o violaceo, nemmeno sulla ricrescita scura.

Non penso che l’alcanna abbia contribuito più di tanto in questa hennata e mi riprometto in futuro di preparare l’oleolito per ottenere un tono freddo.

Fatemi sapere come la utilizzate! Per me è stato quasi un dramma 


Risultati

Mi scuso, innanzitutto, per la qualità delle foto ma ho dovuto necessariamente abbassarla per mostrarvi il colore che ho realmente ottenuto.

Le foto sono state scattate all’interno con luce artificiale fredda e il colore è fedele a quello che si noterebbe all’esterno con luce naturale.

risultato hennè neha rachni mehandi ed alcanna phitofilos.jpg

Le mie foto dei capelli sono SEMPRE il disagio, ma spero comunque che possano esservi utili…

Come vedete, la ricrescita non è stata coperta poiché la stratificazione di henné l’ha resa ancora più scura, ma si possono notare dei riflessi rossi (foto di destra), decisamente più intensi sotto la luce diretta.

Vista la mia esperienza, posso dire che in ambiente acido l’Henné Neha Rachni Mehandi dona riflessi freddi su basi scure e toni mattonati su basi già hennate.

Ho recentemente ripetuto questo henné mischiandolo solo con acqua e bicarbonato e vi assicuro che in pH basico il colore ottenuto tende al mogano.

Vi parlerò prossimamente di questa hennata 🙂


Spero che questo articolo vi sia utile  Mi rendo conto di aver combinato un vero casino, ma spero che dopo aver letto la mia esperienza possiate evitare di fare “danni” 

Grazie per essere passati. Alla prossima !

firma


Let’s Be Friends 

Seguimi su

Instagram: @ilosinwanderlust.bio

Twitter: @ilosinwanderbio

Pagina FB: Ilosinwanderlust BioBlog

per non perderti nessun aggiornamento!

Annunci
alkemilla · avril · balsamo labbra · blush · correttore · eyeliner · fondotinta · le erbe di janas · matita labbra · matita occhi · Mi trucco Bio · ombretto · purobio · Senza categoria · smalto · tinta naturale

[Mi trucco Bio] I miei acquisti TOP del 2016

Ciau a tutti e benvenuti sul mio blog!

L’anno è quasi agli sgoccioli ( per fortuna!) quindi ho pensato a un articolo un po’ diverso dal solito per la mia rubrica “Mi trucco Bio“.

E’ tempo di tirare le somme  e di valutare quale acquisto cosmetico è stato davvero TOP per questo 2016!


Partiamo subito dalla base, quindi dal

Fondotinta

Lo ammetto, non sono un’amante della pelle impiastricciata, specialmente perchè sono una coccolona e non mi piace che mentre mi danno i bacetti venga asportato il trucco ahahah

velvet compact foundation 02 alkemilla.jpg

Tuttavia ho acquistato il nuovo Velvet Compact Foundation di Alkemilla e me ne sono innamorataa! E’ un po’ “difficile” da portare per le pelli estremamente secche, quindi è necessaria una buona base idratante sotto, ma il fondo è talmente confortevole e vellutato sulla pelle che sembra di non indossarlo!

Non vi ho ancora parlato di questo fondo sul blog, perchè voglio testarlo meglio sulle zone grasse con le temperature più elevate. La coprenza è molto buona, quasi elevata e il prodotto è stratificabile e non fa effetto mascherone!

La colorazione che ho scelto (ad occhi chiusi) è la 02 e si adatta perfettamente al mio colorito! Che fortuna XD

Adoro anche il profumo vanigliato di questo fondo!


Correttore

Con un fondo così coprente non necessito di un correttore sul resto del viso, ma purtroppo le mie occhiaie scure ne hanno troppo bisogno!

dscn2330-copiaIl migliore correttore acquistato quest’anno è stato quello fluido della linea Sublime della PuroBio nella colorazione 03: un buon compromesso per coprire le occhiaie, nonostante non sia aranciato.

La fomulazione e la texture non appensantiscono il contorno occhi; la tonalità mi permette di usare questo correttore anche sul viso e la sua durata mi hanno fatto eleggere questo prodotto come il migliore correttore utilizzato fino ad ora! E sapete dal blog che di correttori ne ho usati eh!

 


Blush

Anche qui devo promuovere un prodotto di cui ancora non vi ho parlato sul blog e firmato Alkemilla; si tratta del Velvet Blush nella colorazione 01.

La sua tonalità rosata, la durata, la modulabilità e il profumo vanigliato mi hanno fatto amare questo prodotto! E’ difficile trovare dei blush con inci verde che durino tanto!

velvet blush 01 alkemilla.jpg


Terra

Per realizzare lievissimo contouring mi sta piacendo tantissimo Robot, l’ombretto di Neve Cosmetics della collezione Mutation.

Mi piace perchè è un color tortora stratificabile che crea delle belle ombre sul volto!

robot-neve-cosmetics


Illuminante

Il mio illuminante preferito, che poi illuminante non è, è l’ombretto Ghiaccio di Neve Cosmetics! Un bianco super shimmer e durevole!

ilosinwanderlust-ghiaccio-neve-cosmetics

 

 

 

 

 


Prodotto per le labbra 

Quest’anno ho amato il mio Addolcilabbra  Mandorlatte di Alkemilla all’aroma di latte di mandorla e la nuova matita labbra Motion di Neve Cosmetics della collezione Drama Empire.

Il balsamo labba l’ho portato sempre con me per idratare e proteggere le labbra a lungo, la matita Motion la trovo perfetta come rossetto su tutte le labbra grazie alla sua formula cremosa e la sua pigmetazione!


Eyeliner

Quest’anno non ne ho provati molti, ma posso dire senza ombra di dubbio che l’eyelier ecobio migliore per me è quello della Avril ! E’ più denso rispetto ai classici eyeliner con pennellino ma ha un’ottima durata e pigmetazione.


Matita Occhi 

Devo ammettere che ne ho acqustate parecchie ( rispetto all’uso che ne faccio) di matite occhi, ma le migliori per me sono: la matita bianca della Benecos da utilizzare lungo la rima inferiore delle ciglia (presto ve ne parlerò meglio) e la pastello occhi Narwhal di Neve Cosmetics della collezione Wild Eyes.


Ombretto

E infine gli ombretti TOP che ho acquistato in questo 2016 

Ho amato alla follia Polline della palette duochrome di Neve Cosmetics, che ho trovato davvero versatile e utilizzabile come protagonista in primavera-estate e come punto luce per i trucchi autunnali; steso su una base nera cambia completamente colore e diventa un altro ombretto!

Oro Rosa ( ombretto minerale di Neve Cosmetics) l’ ho usato praticamente ovunque: sugli occhi e sulle guance come blush, anche se è un po’ vistosto con la sua cangianza dorata.

Mela Stregata della palette Duochrome di Neve Cosmetics è stato l’ombretto che mi ha salvato quando andavo di fretta o quando l’eyeliner veniva  malissimo: coprivo il tutto con questo ombretto cangiante e ogni difetto diventava una meraviglia  color verde-borgogna.

E infine, Liquid Mirror, un ombretto minerale della Neve Cosmetics super sbrilluccicante che penso userò tutti i giorni del 2017, perchè ormai avrete capito che mi piaccioni i trucchi sobri!

liquid-mirror-neve-cosmetics

Diciamo che mi sono un po’ contenuta sugli ombretti: li amo tutti, i miei piccolini!


Mascara

Il mio manscara preferito e che riacquisterò fino alla fine dei tempi, è quello della Avril: un classico nero dalla formula densa leggermente allungante e volumizzante.

Ah…le mie prime foto sul blog…orrore hahah


Smalto

Ok ok ok… lo smalto non rientra nel make up… Ma io sono anarchica e ce lo metto lo stesso 😛

Il mio smalto preferito è stato quello rosso di Avril ! Si sbecca eh ! Però sembra di indossare uno smalto effetto gel e poi ha un ottimo prezzo, considerando che al suo interno non ha tutte quelle schifezze contenute negli smalti economici e cinesotti.

smalto-avril-rosso
Quando avevo le unghie…

Henné

Mi trovo e ci infilo anche il mio hennè preferito!

Ovviamente sto parlando dell’henné rosso freddo de Le Erbe di Janas, con il quale ho cominciato la mia avventura sul blog … e terminato!


Ed eccomi qui… con l’ultimo articolo per questo anno! Voglio innanzitutto ringraziarvi per averlo letto e soprattutto per seguirmi con tanto affetto !

Ok ok, il mio non sarà il blog perfetto, con tanti lettori e belle foto che finiscono sulle pagine instagram dei migliori marchi EcoBio… ma è il MIO piccolo blog, uno spazio neutro in cui abbandono i mille problemi della vita quitidiana per parlarvi di una cosa tanto futile quanto essenziale per noi ragazze ( ma anche per alcuni ragazzi… siamo moderni!): il make up!

Vi assicuro che mi impegno al massimo per portare del “contenuto di qualità”, nonostante la mia inesperienza e le mie risorse limitate. Ho sempre fatto molto uso dei blog per scoprire prodotti in anteprima e le opinioni di chi ha provato davvero tantissimi cosmetici e può fare paragoni. Quest’anno ho deciso di buttarmi anche io, senza alcuna pretesa … anche perchè riconosco i miei limiti da blogger…

Ogni commento e ogni like mi riempie di gioia! Ogni blogger che mi segue su Instagram, mi fa sentire apprezzata e “meno sola” in questa avventura.

Ogni nuovo lettore, follower o amico mi fa pensare che quello che faccio qui sul blog, su fb e su Ig, lo sto facendo discretamente… So di dover migliorare tantiissiimissimo!

Io vi RINGRAZIO per avermi concesso un po’ delle vostre giornate leggendo i miei articoli ❤

L’avventura è appena comincianta qui sul blog e sul mondo dei social…

TO BE CONTINUED …. 2017 arriviamo!

Baci Stellari (ahhaha)

Ilos in Wanderlust 

 

Senza categoria

[Mi trucco Bio] Foglie d’autunno #madewithneve

Ciau a tutti e benvenuti sul mio blog!

Oggi vi propongo un makeup sui toni del rame-verdone-marrone, ispirato alle foglie  degli alberi! Quelle che sono rimaste ancora attaccate ai rami, s’intende !

Questo trucco è stato realizzato principalmente con ombretti Neve Cosmetics, super shimmer e dal colore pienissimo!


Vediamo insieme quali:

  • Fenice ( Palette Duochrome)- Neve Cosmetics
  • Polline  ( Palette Duochrome)- Neve Cosmetics
  • Pacifico della Palette Makeupdelight- Neve Cosmetics
  • Bon Bon (Palette Elegantissimi)- Neve Cosmetics
  • Espresso  (Palette Elegantissimi)- Neve Cosmetics
  • Tribeca- Nabla Cosmetics
  • Matita occhi nera- Avril
  • Mascara Black Magic- Benecos
  • Correttore n°04- Alkemilla

 

made with neve.JPG

 

 


Foglie d’autunno  makeup #madewithneve

fall makeup madewithneve.jpg

  1. Ho coperto le occhiaie con il correttore
  2. Ho tracciato con un pennellino sottile ed Espresso una riga sottile nella piega dell’occhio
  3. Ho sfumato la riga con l’ombretto Tribeca per intensificare il marrone e nello stesso tempo rendere il trucco meno cupo
  4. Ho sfumato sotto l’arcata sopraccigliare Bon Bon  con i marroni,per alleggerirli
  5. Ho steso con le dita Fenice su tutta la palpebra mobile; questo ombretto ha una texture pazzesca! Sembra rame colato 
  6. Ho applicato Polline nell’angolo interno
  7. Ho prelevato Pacifico con un pennellino sottile e l’ho applicato sulla rima inferiore delle ciglia: fate tantissima attenzione a non far andare questo ombretto nell’occhio -> i glitter potrebbero irritare
  8. Ho tracciato una riga di matita nera sull’occhio
  9. Ho applicato il mascara

fall makeup madewithneve 1.jpg

Il colore della matita sembra un po’ chiaro per colpa del flash… perdono 

makeup made with neve.jpg

Vi piacciono questi colori insieme?

Io trovo che questo makeup sia la versione “più sofisticata” di un classico trucco color rame.

Sapete ( e si vede) che per me il trucco è puro divertimento  e che questi look che vi propongo  sono solo dei semplici spunti per abbinare gli ombretti XD

Fatemi sapere come usate il fantastico Fenice !!!!

Ciau  alla prossima!

Ilos ;*

 

benecos · Bio Review · mascara · Senza categoria

[ Review] Benecos- Mascara volumizzante Magic Black

Ciauu a tutti e benvenuti sul mio blog !

Oggi vorrei parlarvi di un mio recente acquisto: il mascara volumizzante Magic Black della Benecos.

Vi ho già mostrato questo mascara nello spacchettamento del mio  mio primo ordine BioVeganShop e ora è giunto il momento di vederlo in azione!

BENECOS- Mascara volumizzante Magic Black.jpg

  • Caratteristiche del prodotto:

-Contenuto: 10  ml

-INCI: Salvia sclarea (clary) flower/leaf/stem water*, Cetearyl alcohol, Glycerin*, Acacia Senegal gum, Brassica campestris/aleurites fordii oil copolymer,  Glyceryl rosinate, Glyceryl stearate, Silica, Potassium palmitoy hydrolyzed wheat protein, Oleic/linoleic/linoleic polyglycerides, Tocopherol, Glyceryl caprylate, Magnesium aluminum silicate, Aqua (water), Sorbitan olivate, Cetearyl olivate, Cetyl palmitate, Sorbitan palmitate, Persea gratissima (Avocado) oil*, Xanthan gum, CI 77499 (Iron oxides), CI 77820 (Silver).

*Proveniente da agricoltura biologica

-PAO: 6 mesi

-Prezzo: 5,49€- 6,4€ (dipende da dove lo acquistate)

-Cosa promette? “Questo mascara è formulato in maniera più delicata rispetto agli altri mascara Benecos. Il folto scovolino umidifica anche le ciglia più piccole e fuori posto, rendendole intense e donando uno sguardo voluminoso.”-BioVeganShop

-Reperibilità: numerosi e-shop di cosmetici ecobio, bioprofumerie, alcune farmacie e parafarmacie, catena di negozi NaturaSì; estremamente facile da reperire.

-Certificazioni: Vegan, cruelty-free, BDIH (cosmetico naturale controllato)


Come si presenta

mascara-volume-magic-black.jpg

Questo mascara presenta uno scovolino molto fitto… quello classico da mascara volumizzante!

Sicuramente questo Black Magic è formulato per essere più delicato rispetto agli altri mascara Benecos in cui troviamo l’acool ai primi posti nell’inci->Il prodotto non dà fastidio alle ciglia o agli occhi e non puzza di alcool!

Come spesso accade, sui cosmetici Benecos non troviamo l’inci sulla confezione … questa cosa mi lascia perplessa ogni volta… E’ vero che si tratta di cosmetici certificati, controllati ecc ecc, ma questo non vuol dire che siano formulati in modo”perfetto”o comunque se si vuole fare un confronto con altri prodotti con sostanze migliori al loro interno, occorre per forza rivolgersi ad internet.

In più l’inci non è che sia così tanto ricco e curativo per le ciglia: troviamo solo l’olio di avocado.


Resa

La durata di questo mascara non è elevata: applicato sulle ciglia inferiori tende a bavare dopo qualche ora traformandovi in un 

Abiutuata al fanstastico mascara di  Avril non ero proprio pronta a questo! 

DSCN2771.JPGIl colore nero carbone è intenso ma l’effetto volumizzante è proprio blando!!!

Con il tempo ho imparando ad usare questo prodotto e ho notato che si ha un effetto migliore sulle ciglia evitando il famoso “movimento a Zig Zag”

Infatti, passando semplicemente lo scovolino e tirandolo verso l’alto, le ciglia appaiono leggermente più spesse e più lunghe.

Mascara Benecos Black Magic.jpg
Hahahaha con tutti questi occhi sembro una tarantola!

Ho fatto 4 passate di mascara prelevato un unica volta dalla confezione!

  • In basso a sx  vi mostro le mie ciglia naturali
  • In alto l’occhio a sx con l’applicazione del mascara pettinando le ciglia; mentre nell’occhio a dx ho usato la tecnica a zig zag: come vedete le ciglia sono raggruppate e leggermente volumizzate
  • Nella foto in basso al centro ho pettinato le ciglia con lo scovolino: preferisco questa tecnica che rende le ciglia più naturali e volumizzate alla base
  • Nell’ultima foto in basso a dx vi mostro meglio l’applicazione a zig zag: questo effetto ciglia “a bambola” no me gusta mucho… (de gustibus!)

In tutte le foto ( ad eccezione di quella in cui vi mostro le ciglia “nude”, ovviamente) ho passato leggermente lo scovolino sulle ciglia inferiori per colorarle …. tanto già so che il mascara sbava!


Tiriamo le somme…

PRO:

  • Economico
  • Formulazione più delicata rispetto agli altri mascara Benecos
  • Non puzza di alcool e non dà fastidio agli occhi

 CONTRO:

  • Durata discreta: sbava sulle ciglia inferiori
  • Effetto volumizzante discreto
  • Formulazione non funzionale per le ciglia … proprio basic

CONSIGLIATO: No 

Secondo me non vale la pena di acquistarlo… con pochi centesimi potete avere quello di Avril che è decisamente più performante! Il prodotto non è da buttare, si intende! Ma non fa davvero quello che promette e soprattutto, il fatto che sbavi è davvero inaccettabile!

Voto: 6… non  abbastanza performante ma almeno rispetta l’occhio! 

Insomma… credo che con tutti questi post di cosmetici low cost si sia capito che non vale la pena spendere poco nel makeup ecobio e soprattutto penso di non riacquistare più prodotti Benecos… costano poco ma non rendono per niente…Quelli di Avril invece sono promossi (almeno per ora…)

Grazie per essere passati  Spero tanto che questo articolo vi sia utile per i vostri acquisti !

Per essere sempre aggiornati sul blog e sulle novità in campo cosmetico ecobio, seguitemi su Instagram!

 @ILOS_IN_WANDERLUST_BIO

Stay Tuned per un’altra recensione di cosmetici ecobio! Baci 

Ilos ;* 

Bio Review · geomar · inci accettabile · maschera viso · maschera viso7 · Senza categoria

[Prime Impressioni] GEOMAR-Maschera viso 5′ PURIFICANTE con argilla bianca e bio fiore di Malva, effetto mat

Ciau a tutti Instagram  ( ILOS_IN_WANDERLUST_BIO), avrete visto le mie primissime impressioni su questo prodotto: la maschera viso purificante a effetto mat con argilla bianca e bio fiore di malva, della Geomar. (che nome lungo…)

Beh.. oggi ho riprovato questo prodotto cercando di aprire meglio i pori… sarà davvero efficace sulle imperfezioni? Continuate a leggere!

  • Caratteristiche del prodotto:

maschera-viso-purufucante-effetto-mat.jpg

-Contenuto: 2 x 7,5 ml; con argilla bianca e bio fiore di malva; con il  95% di ingredienti di origine naturale; no parabeni, no siliconi, no coloranti, no oli minerali,profumo senza allergeni.

-INCI: 

-PAO: /

-Prezzo: 1-1,2€

-Reperibilità: Acqua&Sapone, negozi di detersivi, supermercati ben forniti; abbastanza facile da reperire

-Cosa promette? Eliminare le impurità e il sebo in eccesso e liberare i pori.

-Istruzioni: applicare su viso e collo ( evitando contorno occhi e labbra), dopo aver passato una spugna imbevuta di acqua calda sulla pelle, per favorire l’apertura dei pori; lasciare agire per 5 minuti; rimuovere con una spugna o abbondante acqua. Consigliata per pelli miste e grasse. Consigliate 1-2 applicazioni a settimana. Dopo 5 minuti si avverte una riduzione del sebo.


Come si presenta?

La maschera comprende 2 dosi da 7,5 ml ciascuna; ogni dose è più che sufficiente a ricoprire tutto il viso. Io preferisco usarla tutta in una volta per evitare che secchi e sia inutilizzabile in futuro.

La maschera ha un colore bianco, è densa come una meringa ed ha un leggero profumo floreale-argilla… hahaha non so che dirvi, questo c’è dentro!

La stesura è molto facile in quanto il prodotto è molto fluido ma non c’è alcun rischio che la maschera coli; se ne applicate troppa però, vi ritroverete con dei fili penzolanti sul viso XD


Utilizzo

Prima di applicare la maschera apro i pori con il vapore per far sì che l’argilla penetri bene ed elimini tutte le impurità. Applico il prodotto direttamente con le dita su tutto il viso, insistendo sulle zone miste visto che di maschera ce n’è in abbondanza. Attendo 5 minuti ed evito che l’argilla si secchi: questo potrebbe far seccare molto la pelle poiché l’argilla ne assorbe l’ acqua. Tolgo via la maschera con una spugna inumidita in acqua tiepida.

DSCN2504.JPG
La bellezza proprio…

Resa sul viso

Appena applicata la maschera, sento una sensazione di bruciore e poi di fresco a mano a mano che il tempo passa e l’ argilla comincia a “tirare”.

Dopo averla sciacquata sento ancora la pelle fresca ma noto alcune macchioline rosse sparse nella zona delle guance, che prima non avevo.  La prima volta che ho usato questa maschera, mia madre mi ha detto che sembravo un fantasma! Hahahah è probabile che l’argilla bianca abbia schiarito un pò l’incarnato… in effetti è usata contro le macchie cutanee.

Per quanto riguarda le imperfezioni del viso, non ho notato grandissimi cambiamenti: i punti neri sul naso e sul mento sono rimasti, mentre quelli sulle guance sono comparsi così come le crosticine da punto nero vicino al naso.

Devo dire che i pori sulle guance sono rimasti molto dilatati e il sebo delle zone miste è stato leggermente ridotto!!

DSCN2510.JPG
Punti neri e pori dilatati dopo la maschera… foto al flash

Detto questo veniamo al voto… 6

I pro di questo prodotto sono il prezzo,  la velocità dell’utilizzo, la quantità davvero grande delle dosi e il fatto che il sebo risulti davvero ridotto dopo la prima applicazione

-> prodotto davvero super consigliato per le pelli grasse!

L’unico punto negativo è che occorre del tempo prima di vedere dei miglioramenti nelle imperfezioni del viso ed ulteriori acquisti di maschere, visto che è consigliato l’uso costante.

Mmmmmh… forse la dimensione delle dosi potrebbe essere un difetto per chi ha la pelle mista e vorrebbe usare la maschera per zone contenute del viso, perché sorge poi il problema della conservazione dell’eccesso…

In ogni caso questa settimana ho utilizzato la maschera due volte e, a parte la riduzione del sebo, non ho notato che la mia pelle fosse migliorata.. non vorrei bocciare questo prodotto…

A voi piacciono le maschere?

Io confesso che questa è stata la mia prima maschera all’argilla e un po’ non sapevo che aspettarmi…. Sicuramente riacquisterò questa maschera e altri prodotti Geomar e vi terrò aggiornati!  Alla prossima!

P.S. Scusate… tengo questo post qui al calduccio da molto tempo… le mio opinioni su questa maschera non sono cambiate, semplicemente la pubblicazione dell’articolo è stata rinviata. Perchè? Ne avevo troppi più urgenti da pubblicare!! Continuate a seguirmi perchè ho davvero tanto da recensire!

Ilos ;*